IL CLUB DI

LETIZIA

Dedicato alla lesione cerebrale infantile

A cura di Maria Simona Bellini

 

FORUM SCUOLA


Chi si deve occupare dell'igiene personale del bambino disabile a scuola?

 

Vorrei chiedervi informazioni circa le competenze di insegnanti di sostegno statali e bidelle statali (in scuola elementare) alla pulizia personale di bambini disabili. Mia figlia, di 10 anni, frequenta la prima elementare e ha da poco raggiunto il controllo sfinterico: a casa va tutto bene, mentre a scuola si sporca ancora e si ribella ad andare in bagno. Le maestre mi stanno tormentando per convincermi a metterle il pannolino, dicendo, fra l'altro, che solo l'assistente comunale ha il dovere di cambiare la bambina, mentre l'ins di sostegno statale no (non sua competenza). Anche le bidelle si rifiutano di pulire, tanto che l'assistente di sostegno (molto disponibile) a doverlo fare.Vorrei sapere cosa posso fare e cosa prevede i materia il contratto e le norme degli inseganti statali di scuola elementare e del personale A.T.A. (bidelli).Grazie!

Nicoletta

Cara Nicoletta,

sono felice di poterti essere utile per la soluzione del tuo problema suggerendoti la normativa a cui poter far riferimento.

Il Contratto collettivo nazionale di lavoro comparto scuola del 4-8-1995 all'art. 51 "Profilo collaboratore scolastico" recita "............... Puo' infine svolgere: ......assistenza agli alunni portatori di handicap, fornendo ad essi ausilio materiale nell'accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all'interno di tali strutture e nell'uscita da esse, nell'uso dei servizi igienici e nella cura dell'igiene personale." Tale mansione viene poi inserita all'art 54 tra le attivita' aggiuntive del personale ATA.

Art 54 " costituiscono attivita' aggiuntive del personale ATA le prestazioni di lavoro svolte da tale personale non necessariamente oltre l'orario di lavoro e richiedenti maggior impegno professionale, comprese tra quelle previste dal profilo professionale di appartenenza secondo l'art 51 del presente contratto"

Preciso infine che "tali attivita' aggiuntive vengono retribuite sul fondo d'istituto alla tabella D2 e vengono individuate con il relativo impegno orario dal Capo d'Istituto sulla base delle deliberazioni del Consiglio d'Istituto e delle proposte del responsabile amministrativo e del personale interessato."

Mi sembra quindi che il tuo problema possa essere risolto da parte del Capo d'Istituto incentivando un collaboratore scolastico.

Resto a tua disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

Un affettuoso saluto

 
Maria Teresa
PS un bacio alla piccola

HOME PAGE

Torna al Sommario di ForumScuola